in

È sicuro usare Bitcoin?

Potremmo a nostra volta chiedere se è sicuro usare il dollaro USA. Come con qualsiasi altro tipo di denaro, ci sono questioni specifiche che gli utenti di Bitcoin devono sapere per mantenere i loro fondi il più sicuri possibile.

Includono le variazioni dei prezzi di Bitcoin, l’archiviazione di questa criptovaluta, l’uso di terze parti per lo scambio di monete e le minacce tecnologiche come l’hacking.

Lasciamo da parte le domande sul valore dei bitcoin e concentramoci sul lato tecnologico della questione.

Archiviazione di bitcoin

Alcuni passaggi sono fondamentali per garantire che i tuoi bitcoin siano archiviati in modo sicuro: la
regola n. 1 si prende cura della tua “chiave privata” segreta – la password per accedere e utilizzare i tuoi bitcoin. (Per ulteriori informazioni sulla scelta di un portafoglio, leggi qui ). Se la chiave privata è sicura e nessun altro può ottenerla, allora i tuoi bitcoin sono al sicuro. Ma tieni presente che se perdi la tua chiave privata, anche tu non sarai in grado di accedere ai tuoi fondi. A meno che tu non possa indovinare il codice con le sue decine di personaggi.
Abbi cura di scegliere un cosiddetto “portafoglio”, che è simile a un conto bancario per consentirti di accedere ai tuoi fondi e può essere sia online che offline.

Scambi e spese

Quando spendi e scambia i tuoi bitcoin, è importante scegliere solo feste affidabili e affidabili (leggi di più qui). Se sei vittima di una frode quando usi una carta bancaria tradizionale, esistono leggi e regolamenti che ti aiutano a recuperare eventuali perdite. Per Bitcoin, tuttavia, tale protezione deve ancora venire. Ricorda inoltre che i pagamenti con bitcoin non sono ripubblicabili: una volta pagato, i soldi non ci sono più. Se commetti un errore, ad esempio paghi 222,2 USD anziché 22,22 USD o invii i bitcoin all’indirizzo sbagliato, puoi contare solo sulla buona volontà del ricevente per ottenere il rimborso.

Problemi di anonimato

Potresti aver sentito parlare dell’anonimato di cui godono gli utenti di Bitcoin. Bene, è solo parzialmente vero. Mentre tutti possono vedere ogni portafoglio e il suo contenuto e seguire ogni transazione, non sanno chi è il proprietario di un portafoglio. I portafogli e le transazioni Bitcoin non sono collegati a dati personali o identità. Ma ci sono modi per scoprire chi è il titolare. Ad esempio, potrebbe essere richiesto di rivelare la propria identità quando si utilizzano i servizi di uno scambio di criptovaluta. Tuttavia, se è necessaria una maggiore privacy, il browser TOR e altre soluzioni tecnologiche possono aiutare. Ci sono anche altre criptovalute che offrono più privacy, come Dash, Monero e Zcash.

Hacking

Altri rischi di Bitcoin sono più difficili da controllare, ma è comunque importante conoscerli e seguire le notizie, dal momento che la tecnologia stessa è sperimentale e ancora in fase di sviluppo.

Uno di questi rischi ipotetici è quello di un attacco di hacker sulla rete Bitcoin. In teoria, ciò sarebbe possibile se un gruppo di minatori Bitcoin controllasse più del 50% di tutta la potenza di calcolo necessaria per eseguire la blockchain di Bitcoin. Un hack è anche possibile con una quota minore della potenza di calcolo, anche se la probabilità di successo sarebbe inferiore.

C’è stato un momento, infatti, nel 2014, quando il pool minerario Ghash.io si avvicinò per ottenere il 51% dell’intera rete Bitcoin. Ma poi alcuni membri del pool se ne sono andati volontariamente, diminuendo la sua quota. Tuttavia, gli esperti di Bitcoin ritengono che un “attacco del 51%” sia molto improbabile dal momento che il suo costo supererebbe i possibili benefici e molto probabilmente danneggerebbe molto l’aggressore.

Inoltre, tale attacco non può essere utilizzato per rubare bitcoin o modificare transazioni precedenti. Solo le transazioni più recenti potrebbero essere interessate e il lavoro della rete potrebbe essere interrotto. Qualsiasi attacco durerebbe solo per poco tempo prima di essere riparato rapidamente dalla comunità Bitcoin. Il maggior danno sarebbe per l’immagine della valuta.

L’hacking rappresenta un rischio maggiore quando si tratta di scambi di criptovaluta, che non sono regolamentati e, come dimostrato dalla storia, possono essere violati e somme ingenti possono essere rubate.

La minaccia di un attacco della rete Bitcoin può diventare reale una volta che un computer quantistico è stato costruito, in quanto sarebbe molto più potente dei computer di oggi. Ma ci si aspetta che la costruzione richieda anni e che i modi per resistere a tali attacchi siano già in fase di sviluppo.

Regolamentazione

Un’altra questione fondamentale da tenere sotto controllo è la regolamentazione. È probabile che un numero sempre maggiore di paesi inizi a introdurre regolamenti Bitcoin, che potrebbero influire sul modo in cui la criptovaluta può essere spesa e avere implicazioni legali e fiscali correlate. Allo stesso tempo, insieme a possibili restrizioni, i nuovi regolamenti possono anche portare maggiore protezione e chiarezza agli utenti di Bitcoin.

Se ti ha fatto piacere ricevere queste informazioni, ti chiediamo se vuoi, di sostenerci con una donazione, che servirà a mantenere aggiornato e performante Bitecoin. Grazie 🙂

Bitcoin: 17MPuHAmXNfssHGrWmZ7x2tbds9ftPa5Ed
Ethereum: 0x004bd1E5F5d37E84Be12CE17E01cCaf2b142152f
Bitcoin Cash: qrm2m9pm3zqd42y0edwyfmeewkl45kfc5gdcm2ap65  Litecoin: MVxxBdU8yPkQFfAzgHHPQ22M9AWyQok5Pv

oppure via Paypal qui:


Faccelo sapere in Live Post in homepage con @sostienibitecoin

Cosa ne pensi?

Scritto da vitaminah

Comments

Comments

Lascia un commento

Loading…

0

Cos’è Bitcoin?

Bitcoin pro e contro