in ,

Dove puoi spendere i tuoi Bitcoin nel 2020?

Dove puoi spendere i tuoi Bitcoin nel 2020?

Negli ultimi giorni sono emersi discorsi poco rassicuranti sulla regolamentazione delle valute digitali, al contrario di alcuni paesi pro-criptovalute.

Proprio in merito a questi paesi che hanno e stanno adottando la criptovaluta in maniera significativa è il caso di capire dove spendere bitcoin e le tue monete virtuali. Questi paesi hanno impiegato risorse importanti per la blockchain e regolamentazione crittografica in questo scorso del 2020.

Qui di seguito troverai i paesi principali che adottano le criptovalute nel 2020:

5.Panama

Il paradiso delle criptovalute, Malta, sta introducendo requisiti importanti che tutelano i possessori di moneta digitale attraverso KYC/AML e implementando direttive AMLD 5 oltre che la fornitura di informazioni sulle transazioni dei clienti su richiesta delle autorità competenti. Questa invasione di normative hanno visto scambi di criptovaluta tra cui Debrit e Binance lasciare il paese per altri meno fiscali.

Panama è da sempre considerato il paese adulatorio per le società di criptovalute per via delle leggi finanziarie indulgenti che permettono gli scambi centralizzati di operare in maniera libera. Per gli scambi di criptovaluta il paese è davvero un paradiso in quanto la registrazione di nuovi exchange viene fatta con soli 200,000 dollari per licenza e commissioni.

4. Francia

Le ultime vicende che hanno visto la Francia a dover definire la posizione sui regolamenti sulle criptovalute, il paese ora è destinato ad adottare le monete virtuali in maniera simile alla valuta Fiat. spendere bitcoin

“Non mi piace. Può nascondere attività come il traffico di droga e il terrorismo “. – Ministro delle finanze francese, Bruno Le Maire

Non lo vede allo stesso modo un tribunale francese che ha dichiarato che Bitcoin è un bene fungibile come alle valute legali. Per questa ragione si stanno aprendo le porte all’utilizzo delle criptovalute per fini transazionali all’interno del paese.

3.Cina

La Cina è il paese che più ha voluta la moneta digitale. La Banca popolare cinese (PBoC) sta lavorando duramente perchè ciò si verifichi. Solo nel mese di febbraio il paese ha spostato 13 miliardi di dollari sulla blockchain da oltre 30 istituti finanziari nel paese.

Oggi come non mai, a causa del CoronaVirus (COVID-19), la Cina si vede costretta ad accellerare i tempi per l’adozione di massa di criptovaluta e tecnologie blockchain. Al fine di evitare la diffusione del virus, il paese sta mettendo in pratica l’adozione tramite mezzi di pagamento digitali di beni crittografici.

2.India

L’India figura come il paese che più si è opposto a Bitcoin (BTC) e sistemi di pagamento crittografici privati, vietando completamente la crittografia. All’inizio di Marzo però la Corte Suprema ha diramato un comunicato in cui si revoca il divieto di RBI, aprendo un nuovo scenario al mondo blockchain e all’adozione della criptovaluta nel paese. Infatti gli scambi registrano un mercato potenziale di oltre 1 miliardo di persone devote alla Bitcoin (BTC).

1.Corea del Sud

La tigre asiatica al contrario di qualche paese, ha legalizzato le transazioni di criptovaluta portando uno slancio rialzista sul mercato istantaneamente.

Il paese di fatto è l’unico che abbraccia la crescita di blockchain e l’adozione di monete virtuali senza alcuna restrizione e a campo aperto. spendere bitcoin

Lo scorso anno 2019 la Corea del Sud ha eseguito test sulla tecnologia blockchain e sempre più aziende del settore formano nuove partnership.

La rivoluzione crittografica è stata avviata. I governi di tutto il mondo sono pronti al cambiamento che porterà la blockchain e e le criptovalute sui mercati finanziari del futuro?

Facci sapere cosa ne pensi nei commenti qui sotto.

Cosa ne pensi?

Scritto da vitaminah

Comments

Comments

Lascia un commento

Loading…

0
Vodafone rilancia Blockchain per migliorare la portabilità del numero mobile

Vodafone rilancia Blockchain per migliorare la portabilità del numero mobile

Due piattaforme di trading ChainLink (LINK) zero commissioni

Due piattaforme di trading utili per negoziare ChainLink (LINK) senza commissioni