in ,

Iota Tango aiuta a combattere la pandemia da Coronavirus

Madrid, uno degli epicentri della pandemia di coronavirus, ha rilasciato una piattaforma anti-Covid-19

Iota Tango aiuta a combattere la pandemia da Coronavirus

Un team di Madrid per fronteggiare il coronavirus ha progettato una piattaforma in grado di combattere il virus COVID-19.

Luis Gelado, Ceo e fondatore di GeoDB ha creato un’ecosistema decentralizzato che utilizza big data peer-to-peer in condivisione con i suoi utenti.

GeoDB ha espresso il suo pensiero per la creazione di AidSquad, il token per la donazione alla causa benefica, dichiarando che mentre si trovava in casa per prevenire la pandemia si è messo a lavorare su una soluzione che potesse risolvere il problema.

In pratica la sua piattaforma consiste nell’inserimento di dati nel proprio Personal Health Record (PHR) quali, età, sesso, sintomi associati al COVID-19 e l’app raccoglie anche la posizione approssimativa dell’utente.

I dati vengono memorizzati in maniera anonima su Iota ricavandone mappe di calore evidenziando la diffusione del virus e degli hotspot di contagio.

Attualmente l’App è disposta soltanto come kit pacchetto Andorid (APK) per via del fatto che Google e Apple hanno bloccato tutte le nuove App che fanno riferimento a COVID-19 perchè in molti senza pietà si sono approfittati della situazione a loro vantaggio. Le aspettative sono che tra un pò di settimane tutto questo verrà reso ufficiale e attivo per gli utenti.

Condivisione dati a premi token

La funzionalità dell’App premia la condivisione dei dati con “punti karma” e token. I punti Karma sono un dispositivo di gamification simile a quello impiegato da Duolingo, mentre i token AidSquad vengono donati alla causa benefica preferita dell’utente.

Gelado afferma che in questo periodo il governo non sta prendendo le opportune precauzioni per prevenire la diffusione del virus. I madrileni si sentono scoperti per tutto questo imprevisto e danno addosso ai politici incapaci di trovare il modo per uscirne.

Per questo motivo l’intento di creare una rete pubblica di scambio dati e informazioni proteggendo la privacy. Il governo ne ha messi alcuni in dotazione delle persone ma troppe informazioni personali rischiano di essere prese di mira da sprovveduti senza scrupoli.

Mettere al servizio dell’umanità un sistema decentralizzato in cui viaggiano dati privati e in rispetto della privacy potrebbe essere soltanto di beneficio nei casi confermati da coronavirus.

Cosa ne pensi?

Avatar

Scritto da vitaminah

Comments

Lascia un commento

Loading…

0

ORA LEGALE: STANOTTE si CAMBIA, lancette in avanti, ma sarà per (www.ilmeteo.it)

Coronavirus, Conte: “4,3 miliardi ai Comuni, subito 400 milioni (www.ilfattoquotidiano.it)