in ,

Il New York Times e ANSA brevettano un sistema blockchain anti-fakenews

Il New York Times ha ideato un sistema per combattere la disinformazione

Il New York Times e ANSA brevettano un sistema blockchain anti-fakenews

Il New York Times famoso quotidiano americano, ha realizzato con la tecnologia blockchain, un sistema per ientificare e contrastare notizie che fanno disinformazione.

Dal blog ufficiale del New York Times viene spiegato come la compagnia ha potuto realizzare il prototipo in grado di fornire metadati affidabili su immagini in rete. La piattaforma avrà lo scopo di verificare esattamente dove una foto è stata scattata.

IBM Garage ha sviluppato il sistema attraverso la blockchain e rende i dati inviolabili.

“Il sistema utilizza una blockchain permissioned per garantire che i giusti membri del network dispongano di autorizzazioni d’accesso appropriate ai metadati.”

Il nuovo sistema progettato dal New York Times è in grado anche di verificare e visualizzare chi per primo ha pubblicato l’articolo con l’immagine per la prima volta sul web.

Il prototipo è ancora in fase test

L’azienda spiega che si tratta ancora di un prototipo in via sperimentale e che ci sono ancora tanti problemi da correggere in quanto il sistema utilizza un singolo smart contract per l’approvazione automatica di tutte le nuove immagini.

Tornando alla realtà, i contenuti dovrebbero essere verificati rima dell’approvazione dalla fonte che li ha resi disponibili online. Le immagini originali restano comunque un mistero da verificare con esattezza, per questo motivo è necessario lavorare dietro molte ore per far si che il sistema poi sia funzionale al 100%.

L’obiettivo resta quello di verificare l’immagine con quella presente sulla blockchain. Esistono molti software in grado di modificare l’immagine alterata e questi potrebbero non riconoscerla da quella originale.

L’accesso alla blockchain non resta di certo un’ostacolo facile da superare e molte case giornalistiche dovrebbero avere la facoltà di partecipazione.

Realizzare una blockchain pubblica, dove tutti vi partecipano allo sviluppo permetterebbe di saltare gli ostacoli più facilmente.

Anche l’Agenzia Nazionale Stampa Associati (ANSA) la più grande casa d’informazione italiana sta pianificando un progetto simile basato su tecnologia blockchain per combattere le fake news e tenere tracia dei contenuti.

Cosa ne pensi della blockchain impiegata contro le fakenews? Faccelo sapere nei commenti qui sotto.

Sponsorizza un comunicato stampa, un’articolo oppure Pubblica il tuo NewsFeed da qui

Cosa ne pensi?

Scritto da vitaminah

Comments

Comments

Lascia un commento

Loading…

0

Operaio muore schiacciato alla Serioplast, la vittima un giovane di Bojano (officinadeigiornalisti.com)

Bitcoin in ripresa ma affronterà i venditori vicino alla 100 SMA

Bitcoin in ripresa ma affronterà i venditori vicino alla 100 SMA