in

Finanziarie, i diritti del debitore. Ecco come procedere

Ecco cosa rischiate se non pagate un finanziamento ed ecco cosa succederà se usate bene i vostri diritti di debitore

NON PAGATE UN FINANZIAMENTO? ECCO COSA PUO’ACCADERE

Spesso ci chiamano in associazione persone spaventate, oramai assalite da sensi di colpa e dalla paura ” di non farcela “; l’unica colpa è non riuscire a pagare i debiti contratti in piena buona fede , erano certi di pagarli….

Dopo anni spesi al telefono, in video conferenza, anni dedicati a contrastare taluni agenti del recupero del credito con pochi scrupoli. Agenti sottopagati vero, ma per quattro soldi arrivano a generare terrore nelle famiglie Italiane, minacciando azioni giudiziarie, pignoramenti ma  non solo. Oramai la povertà ci mette tutti contro tutti.  Povere persone che chiedono a povere persone di pagare debiti che ingrassano i ricchi banchieri.

Ed allora parliamo senza freni e condividiamo con i debitori cosa può accadere in realtà.

“Ma cosa rischiate se non pagate un finanziamento“

La segnalazione alla centrale rischi

La centrale rischi è una sorta di banca dati privata in cui vengono inseriti i nominativi di tutti coloro che hanno un prestito o un finanziamento in corso, nonché i nominativi dei soggetti inadempienti rispetto al rimborso degli stessi.

Per la precisione, esistono due tipi di banche dati:

le SIC, sigla che sta per sistemi di informazioni creditizie: ad esempio, Crif, Ctc e Experian. Esse contengono i dati di tutti coloro che hanno un prestito, un mutuo, un finanziamento in corso. Si tratta di una rete di informazioni alla quale attingono gli istituti di credito e le finanziarie prima di dare in prestito denaro. Esse hanno la funzione di fornire all’istituto di credito informazioni utili sull’esistenza di un finanziamento in corso, il relativo importo, e, naturalmente, anche l’eventualità che il soggetto in questione non paghi regolarmente le rate. Nelle SIC si viene iscritti anche se si è debitori virtuosi che pagano regolarmente quanto dovuto. A una banca o a una finanziaria, infatti, è sempre utile sapere se una persona che chiede un finanziamento ne abbia altri in corso, anche se paga puntualmente le rate. Essa, infatti, per concedergli del denaro in prestito dovrà tenere in considerazione il fatto che quella persona ha già il carico derivante dal rimborso di un finanziamento in corso. Questa valutazione potrebbe indurre l’istituto di credito a non concedere l’ulteriore finanziamento richiesto, a meno che il soggetto richiedente non disponga di un reddito tale da garantire il pagamento agevole di tutte le esposizioni debitorie;

la CAI, sigla che sta per Centrale Allarme Interbancaria, detta anche centrale rischi. Mentre le CRIF sono tenute da società private, la CAI è una banca dati pubblica, controllata dalla Banca d’italia. Qui vengono inseriti i nominativi di coloro che, essendo intestatari di un prestito, di un mutuo o di un finanziamento, non pagano le relative rate e sono pertanto considerati soggetti inaffidabili. Tuttavia, l’inserimento nella centrale rischi non avviene per il semplice ritardo nel pagamento di una rata. La giurisprudenza infatti, ritiene che vi debba essere un comportamento del debitore tale da far presumere la sua inaffidabilità, quindi un semplice ritardo al quale si pone tempestivamente rimedio non giustifica l’iscrizione. Inoltre, la finanziaria, prima di procedere alla segnalazione, dovrà avvisare il debitore mediante raccomandata con avviso di ricevimento.

L’iscrizione nella centrale rischi comporta delle conseguenze: l’impossibilità di emettere assegni, di accedere nuovamente al credito, di aprire conti correnti, di utilizzare la carta di credito.

Quanto tempo dura l’iscrizione nella centrale rischi? Il termine è:

di 12 mesi in caso di mancato pagamento di una o due rate;
di 24 mesi se a non essere state pagate sono tre o più rate.
I suddetti termini decorrono dal pagamento, o, se questo non è avvenuto, dall’estinzione o dalla risoluzione del contratto di finanziamento.

La cancellazione avviene d’ufficio, senza necessità di richiesta. Non è previsto che essa possa essere chiesta anticipatamente.

Le società di recupero crediti

In caso di mancato pagamento, le finanziarie e le banche si rivolgono a società di recupero crediti, che hanno il compito di fare pressioni sul debitore affinché paghi quanto dovuto. Le pratiche poste in essere da queste società sono spesso aggressive e mirano, mediante minacce, a intimorire il debitore. infatti, esse vengono pagate a percentuale rispetto ai crediti che sono riuscite a riscuotere: quindi hanno interesse che il debitore, spaventato, paghi prima possibile. Il più delle volte, le società di recupero crediti, per fare pressione sul debitore, ricorrono a telefonate di minaccia. In queste occasioni, spesso si cerca di spaventare l’interessato prospettandogli un pignoramento imminente. Bisogna però tener presente che le finanziarie, come qualunque altro creditore, non possono procedere a nessun pignoramento se non sono in possesso di un titolo, detto titolo esecutivo, proveniente dall’autorità giudiziaria, che deve preventivamente essere notificato al debitore nelle forme di legge. Se ciò non è avvenuto, le minacce degli operatori delle società di recupero crediti sono del tutto infondate.

Un altro strumento di sollecito adoperato da queste società é la comunicazione scritta, con la quale si minaccia l’azione esecutiva qualora il debitore non dovesse provvedere al pagamento immediato di quanto dovuto. Queste lettere possono pervenire per posta semplice o per raccomandata. Se pervengono per posta semplice, esse non hanno nessun valore legale, perché il creditore non può dimostrare la ricezione delle stesse da parte del debitore. A tal proposito, occorre ricordare che i crediti sono soggetti a un termine di prescrizione, decorso il quale si estinguono. Il termine di prescrizione viene interrotto dalla richiesta di pagamento, fatta per iscritto dal creditore e rivolta al debitore. Naturalmente, il creditore deve poter dimostrare che la richiesta è stata ricevuta dal debitore. Pertanto, in questo caso, è meglio non rispondere alla comunicazione, perché ciò implicherebbe il riconoscimento di aver ricevuto la lettera, e consentirebbe l’interruzione della prescrizione, a tutto svantaggio del debitore.

Il recupero del credito

La società finanziaria, per ottenere il recupero delle rate non pagate da parte del debitore, deve rivolgersi all’autorità giudiziaria, chiedendo l’emanazione di un decreto ingiuntivo. Con questo termine si indica un provvedimento, che ha efficacia esecutiva immediata, con il quale il giudice intima al debitore di provvedere al pagamento di quanto dovuto. Il decreto ingiuntivo deve essere notificato al debitore. Nei 40 giorni successivi quest’ultimo può proporre opposizione, sollevando tutte le questioni che ritiene rilevanti. Se non lo fa, il decreto diviene definitivamente esecutivo, e non può essere più impugnato. Se invece il debitore propone opposizione, si instaura una vera e propria causa, all’esito della quale il giudice potrebbe confermare il decreto, condannando il debitore al pagamento del suo debito oltre alle spese legali, oppure, al contrario, ritenere che le somme richieste dalla finanziaria non devono essere pagate. Successivamente alla notifica del decreto ingiuntivo, il creditore deve notificare al debitore un atto di precetto, consistente nell’intimazione formale a pagare le somme indicate nel decreto, oltre agli ulteriori interessi e alle spese legali, nel termine di 10 giorni dalla notifica. Se tale termine trascorre inutilmente, il creditore può procedere al pignoramento dei beni del debitore. Può pignorare i beni immobili di quest’ultimo, compresa la prima casa, oppure dei beni mobili di valore, o l’automobile. Procedendo poi alla vendita, mediante il tribunale, di questi beni, può soddisfarsi sul ricavato, tenendo per sé la somma corrispondente al proprio credito e versando la rimanenza al debitore.Possono essere pignorati anche stipendi e pensioni, nei limiti di un quinto del loro ammontare. La pensione non può però essere pignorata se inferiore al minimo vitale, pari a una volta e mezzo l’assegno sociale. E’ pignorabile, sempre nei limiti del quinto, la differenza.Sono altresì pignorabili i conti correnti ed eventuali crediti che il debitore dovesse vantare nei confronti di terzi.Se il debito con la finanziaria era stato garantito da un fideiussore, la società creditrice, non riuscendo a soddisfarsi sui beni del debitore principale, potrebbe rivolgersi a lui per ottenere il pagamento di quanto spettante.

I DIRITTI DEL DEBITORE E STRATEGIE DI ESDEBITAZIONE

I rimedi che la legge stabilisce in favore del debitore che non è più in grado di pagare sono sostanzialmente due:

– il pagamento a saldo e stralcio

– il ricorso alla legge sul sovraindebitamento

Il pagamento a saldo e stralcio consiste nella proposta, da parte del debitore, di pagare un importo forfettario inferiore rispetto al debito effettivo, ma comunque sufficiente perché il creditore possa ritenersi soddisfatto. Infatti, per il creditore può risultare conveniente un pagamento immediato, anche se inferiore rispetto alle somme che gli spetterebbero, piuttosto che anticipare il denaro necessario per azioni giudiziarie che possono anche rivelarsi lunghe e dall’esito incerto. Se il debitore non è assolutamente in condizione di far fronte ai propri impegni può ricorrere alla legge sul sovraindebitamento, detta anche legge salva suicidi . Grazie ad essa, il debitore può proporre al giudice un piano di rientro sostenibile, compatibile con le sue condizioni economiche. Se il giudice lo accetta, il creditore ne è vincolato.

STRATEGIA

Mai cedere alla paura che i professionisti del recupero del credito cercano di generare in voi. La vostra paura è la loro forza, la vostra rabbia è la loro forza, il vostro silenzio la loro forza.

Ricordate che :

avete un debito solo ed esclusivamente se la controparte lo dimostra e per dimostrarlo deve avere il contratto in originale. Niente contratto in originale niente debito. Tale strategia serve per ” spaventare ” la banca o la finanziaria e spingerla a trovare un accordo stra-giudiziario sostenibile per la famiglia di indebitati. Ecco perchè la Direzione Etica Legale ottiene sconti importanti e fino all’80%
coloro che vi cercano devono esibire una mandato in cui la società ” tal dei tali” li incarica di incassare il denaro da voi dovuto.
Prima di spiegare come mai non pagate cercate di farvi consegnare mandato e copia del contratto di debito aggiornato. Chi asserisce di avere un credito deve esibire i documenti . Senza documenti non esiste un debito. Mai dimenticare che le informazioni che fornite ” gratuitamente ” serviranno per aggredirvi.

Grazie all’Accordo Etico Nazionale l’associazione corre in vostro soccorso garantendovi il servizio e la sostenibilità dei costi legali.

UNA PROCEDURA ANGLOSASSONE

Dovete anzitutto prendere la decisione principe.

AGIRE ED USCIRE DAL DEBITO UNA VOLTA PER TUTTE

Andate sul sito internet : Avvocato in Famiglia
24 ore interveniamo noi
24 ore per capire cosa vi sta accadendo
96 ore per affiancarvi ad un avvocato esperto

La vostra difesa comincia subito.
Se ti fà piacere condividi questo post oppure lasciaci un LIKE

Hai un Blog / Sito che parla di Finanziamenti e Recupero crediti illeciti? Sei una persona informata e vuoi dare il tuo contributo a diffondere le notizie?

Crea  il tuo account e richiedi il profilo verificato come editor per pubblicare notizie, link, video, immagini e tanto altro.

Sponsorizza un comunicato stampa, un’articolo oppure Pubblica il tuo newsfeed

What do you think?

Avatar

Written by News Oggi

? Tutte le News in tempo reale dall'Italia e dal Mondo

Comments

Lascia un commento

Loading…

0

OPPO X 2021, ll Concept Phone che si arrotola!

È Già Black Friday, Volantino Euronics dal 12/11 al 30/11/2020 (www.promozioni24.it)