in

Che cos’è lo staking

Lo staking è il processo di detenzione di fondi in un portafoglio di criptovaluta per supportare le operazioni di una rete blockchain.

Che cos'è lo staking

Più comunemente, gli utenti vengono premiati semplicemente per il deposito e il possesso di monete su uno scambio, a loro volta guadagnando un rendimento mensile calcolato in base alla quota proporzionale dell’utente del saldo totale detenuto sull’exchange che ha generato i premi di staking durante il mese dato.

Lo staking è stato sviluppato come alternativa al modello Proof of Work (PoW) utilizzato da monete come Bitcoin, dove il consumo di energia sempre crescente richiesto per il mining presentava un problema per il ridimensionamento della rete. Proof of Stake (PoS) è stato proposto come mezzo alternativo ed efficiente dal punto di vista energetico per raggiungere un consenso distribuito che consentirebbe una scalabilità della rete maggiore.

Come funziona lo staking?

Binance riassume molto bene il concetto:
“A differenza delle blockchain Proof of Work (PoW) che si basano sul mining per verificare e convalidare nuovi blocchi, le catene Proof of Stake (PoS) producono e convalidano nuovi blocchi tramite lo staking. Ciò consente di produrre blocchi senza fare affidamento su hardware di mining (ASIC). Quindi, invece di competere per il blocco successivo con un pesante lavoro di calcolo, i validatori PoS vengono selezionati in base al numero di monete che si impegnano a puntare “.

Il validatore quindi punta le monete nel proprio portafoglio e crea un nuovo blocco relativo alla quantità di monete puntate. Ad esempio, se il numero di monete puntate è il 2% delle monete totali sulla rete, possono estrarre il 2% delle transazioni per nuovi blocchi.

Opportunità di picchettamento

Molti exchange hanno già iniziato a offrire staking, inclusi Binance, Kraken, Coinbase e CEX. A partire da gennaio 2020, alcune attuali opportunità di staking includono:

Tezos
ROI: 6% -7% di rendimento annuo stimato
Descrizione: Tezos è “una blockchain decentralizzata che si governa stabilendo un vero commonwealth digitale e facilita la verifica formale, una tecnica che dimostra matematicamente la correttezza del codice che regola le transazioni e aumenta la sicurezza dei contratti intelligenti più sensibili o ponderati finanziariamente.
Periodo di attesa : 3 settimane
Investimento minimo: 1 XTZ
ATOMO
ROI: 6% -9% di rendimento annuo stimato
Descrizione: Cosmos (ATOM) è un ecosistema decentralizzato di blockchain indipendenti che il suo creatore, All In Bits Inc (dba Tendermint Inc), spera sia la base per la prossima generazione di tecnologia Internet. Invece di partecipare a divisioni tra fazioni crittografiche, Cosmos le riunisce tutte, consentendo l’interoperabilità, gli scambi di valuta e un Internet of Blockchains (IoB). Atom (ATOM) è la staking coin proprietaria utilizzata dalla rete e tokenizza anche le transazioni.
Periodo di attesa : 1 mese
Investimento minimo: 0,5 Atom
Algorand
ROI: rendimento annuo stimato del 16-20%
Descrizione: Algorand è una blockchain ad alte prestazioni basata su una tecnologia di nuova generazione che implementa un protocollo Proof of Stake e funzioni pseudocasuali.
Periodo di attesa : 1 mese
Investimento minimo: 2 ALGO
UNO
ROI: 8% -10% di rendimento annuo stimato
Descrizione: Harmony (ONE) è una piattaforma blockchain decentralizzata progettata come ponte tra la scalabilità e gli sforzi di decentralizzazione. Il suo sviluppo è andato sotto il motto di “decentralizzazione su scala” con il focus sulla condivisione dei dati e la creazione di mercati di token fungibili e asset non fungibili.
Periodo di attesa : 1 mese
Investimento minimo: 175 ONE
Fetch.ai
ROI: 8% -12% di rendimento annuo stimato
Descrizione: Fetch.ai è una piattaforma di connettività decentralizzata che consente ai dispositivi di connettersi direttamente con agenti digitali fornendo soluzioni autonome per attività complesse.
Periodo di attesa : 1 mese
Investimento minimo: 25 FET

Vantaggi dello staking 

Lo stake delle monete offre diversi vantaggi ai problemi con i token:

  1. Lo staking aumenta l’utilità del token.
  2. Lo staking incentiva gli utenti a detenere una certa quantità di token e utilizzare attivamente quel token (ad esempio: per il trading).
  3. La puntata mette sotto pressione il calo dei prezzi. Se è necessario puntare determinati gettoni, i gettoni puntati saranno fuori circolazione con ogni transazione. Con la relazione inversa tra prezzo e velocità, la velocità ridotta dovuta allo staking impedisce al prezzo di scendere.
  4. In un certo senso, lo staking sostituisce il token burning. L’atto di bruciare gettoni riduce l’offerta di gettoni e, supponendo che la domanda sia costante o in aumento, il prezzo del gettone aumenterà, quindi lo staking introduce un concetto di “consumo temporaneo”.

Lo staking continuerà sicuramente a crescere in popolarità e coinvolgimento. Dalla sua soluzione al problema della scalabilità PoW, ai numerosi vantaggi che offre agli emittenti di token, continueremo a vedere più progetti adottare il modello PoS (come Ethereum con Casper ) e più scambi offrono servizi di staking.

Se ti fà piacere condividi questo post oppure lasciaci un LIKE

Cosa ne pensi?

Avatar

Scritto da vitaminah

Comments

Comments

Lascia un commento

Loading…

0

IL GOVERNO NON TUTELA IL MADE IN ITALY

Bonus madri disoccupate. Chi può fare richiesta e con quale ISEE