in

BITCOIN PRESTO SOSTITUIRÀ LE MONETE TRADIZIONALI..?

Stiamo vivendo una rivoluzione monetaria così sfaccettata che pochi di noi forse ne comprendono appieno la portata. La trasformazione tecnologica di Internet sta guidando questa rivoluzione.

La pandemia del 2020 l’ha accelerata. Per illustrare la portata della nostra confusione basti guardare alla performance divergente di tre forme di denaro quest’anno: il dollaro USA, l’oro e il Bitcoin. Il dollaro è il denaro preferito del mondo, non solo dominante nelle riserve della banca centrale ma nelle transazioni internazionali. È una valuta fiat, la cui offerta è determinata dalla Federal Reserve e dalle banche statunitensi. Possiamo calcolarne il valore rispetto ai beni che i consumatori acquistano, secondo quale misura si è appena deprezzato quest’anno (l’inflazione è all’1,2%), o rispetto ad altre valute legali. Su quest’ultima base, secondo l’indice spot del dollaro di Bloomberg, è sceso del 4% dal 1 ° gennaio.

L’oro, al contrario, è aumentato del 15% in termini di dollari. Ma il prezzo in dollari di un bitcoin è aumentato del 139% da inizio anno. Il rally di Bitcoin di quest’anno ha colto di sorpresa molti che ormai erano certi che la moneta digitale sarebbe presto sparita dalla circolazione, considerandola come uno strumento senza nessun valore intrinseco e quindi senza futuro. Ma forse queste Cassandre non facevano conto sul fatto che il mondo sta cambiando ad una velocità impressionante e tutto quello che riguarda la finanza e il capitalismo torna in discussione, partendo proprio dalla moneta. Il massimo della scorsa settimana è stato appena sotto il picco dell’ultimo rally ($ 19.892 secondo l’exchange Coinbase) nel dicembre 2017.

E sulla base di questo molti ascoltati finanzieri come l’economista della New York University Nouriel Roubini, che aveva definito Bitcoin come la “madre di tutte le truffe”. Nei suoi tweet, lo chiamava “Shitcoin”. Ma nei giorni scorsi Roubini è stato costretto a cambiare radicalmente la sua opinione. Bitcoin, ha ammesso in un’intervista a Yahoo Finance, era “forse una riserva di valore parziale, perché non può essere degradata così facilmente perché esiste almeno un algoritmo che decide quanto aumenta l’offerta di bitcoin nel tempo”. Tra i grandi investitori che sono diventati rialzisti ci sono Paul Tudor, Jones, Stan Druckenmiller e Bill Miller. Tutti guru di Wall Street che gestiscono patrimoni miliardari come Ray Dalio, che ha ammesso l’altro giorno che “potrebbe mancare qualcosa” su Bitcoin. Anche i giornalisti finanziari stanno capitolando: martedì scorso, Izabella Kaminska del Financial Times, scettica di lunga data sulle criptovalute, ha ammesso che Bitcoin aveva un valido caso d’uso come copertura contro un futuro distopico “in cui il mondo scivola verso l’autoritarismo e il civile le libertà non possono essere date per scontate. ” Secondo indiscrezioni anche il guru degli investimenti, Warren Buffet, da sempre tra i più scettici verso il Bitcoin, sembra che stia pensando ad investire anche lui nella più famosa criptovaluta del mondo

In primo luogo, non dovremmo sorprenderci che una pandemia abbia accelerato il ritmo dell’evoluzione monetaria. Prima delle devastazioni della peste bubbonica, il sistema feudale aveva vincolato i contadini alla terra e richiedeva loro di pagare l’affitto in natura, consegnando una parte di tutti i prodotti al loro signore. Con la cronica carenza di manodopera si è passati a canoni di locazione fissi e annuali pagati in contanti. Anche in Italia l’economia dopo gli anni Quaranta del Trecento divenne più monetizzata: non fu un caso che la più potente famiglia italiana del Quattrocento e Cinquecento fossero i Medici, che fecero fortuna come cambiavalute fiorentini. Allo stesso modo, Covid-19 è stato buono per Bitcoin e per la criptovaluta in generale. In primo luogo, la pandemia ha accelerato il nostro progresso verso più digitale: ciò che avrebbe potuto richiedere 10 anni è stato raggiunto in 10 mesi. Persone che non avevano mai rischiato una transazione online sono state costrette a provare, per il semplice motivo che le banche sono state chiuse. In secondo luogo, e di conseguenza, la pandemia ha aumentato notevolmente la nostra esposizione alla sorveglianza finanziaria e alle frodi finanziarie. Entrambe queste tendenze sono state positive per Bitcoin. In tutto questo c’è da registrare una accelerazione di molti Stati, Cina in testa, verso una adozione di una moneta di Stato digitale ( CBDC)

In nessuna parte del mondo i pagamenti mobili avvengono su larga scala come in Cina, grazie alla crescita spettacolare di Alipay e WeChat Pay. Queste piattaforme di pagamento elettronico ora gestiscono quasi $ 40 trilioni di transazioni all’anno, più del doppio del volume di Visa e Mastercard messi insieme, secondo i calcoli di Ribbit Capital. Le piattaforme cinesi si stanno espandendo rapidamente all’estero, in parte grazie agli investimenti in società fintech locali di Ant Group e Tencent. Il potenziale per l’adozione di uno yuan digitale per i pagamenti delle rimesse o gli accordi commerciali transfrontalieri è notevole, soprattutto se – come sembra probabile – i paesi che partecipano al programma One Belt One Road sono incoraggiati a usarlo. Anche i governi che stanno resistendo alla penetrazione finanziaria cinese, come l’India, stanno essenzialmente costruendo le proprie versioni dei sistemi di pagamento elettronici cinesi. Ma anche la BCE, sotto la guida della Lagarde, da sempre molto favorevole alle valute digitali, sta operando una accelerazione sul progetto di un euro digitale. “Se fosse più conveniente e più sicuro per chi lo utilizzasse, allora potremmo esplorare questa opzione – ha detto la numero uno della Bce – Se contribuisse a migliorare la sovranità monetaria e a garantire una migliore autonomia per l’area euro, credo che dovremmo esplorare (questa ipotesi).

Stessa cosa se facilitasse i pagamenti transnazionali, che sono molto complicati in alcuni angoli del mondo. Ed è questo il motivo per cui abbiamo lanciato una consultazione alla metà di ottobre, che sarà completata a metà gennaio. A quel punto, prenderemo una decisione se andare avanti o no verso un euro digitale”. Insomma non si come non si quando ma sicuramente il percorso sembra segnato. Ma secondo il capo srategist di Kairos, Alessandro Fugnoli, le moneta digitali per le banche centrali sarebbero assai interessanti per combattere non solo l’inflazione ma anche , per la loro caratteristica di scarsità, in un momento in cui il mondo è innondato di liquidità anche il suo esatto opposto e cioè la deflazione “Le valute digitali ufficiali saranno, potenzialmente, l’arma nucleare definitiva contro la deflazione per due motivi – spiega Fugnoli – Il primo è che, rendendo possibile l’abolizione del contante, renderanno possibile anche l’introduzione di tassi profondamente negativi in caso di nuova pesante recessione.

Se i tassi sui bond e sul conto corrente fossero ad esempio del tre per cento negativo, molti si metterebbero in fila davanti alle banche per ritirare i loro soldi sotto forma di banconote. Abolite le banconote, non potrebbero più farlo e i tassi negativi, almeno in teoria, potrebbero dispiegare tutti i loro effetti espansivi”.

Se ti fà piacere condividi questo post oppure lasciaci un LIKE

Cosa ne pensi?

Comments

Lascia un commento

Loading…

0
Pfizer e BioNTech lanciano il vaccino per l'Europa

Pfizer e BioNTech lanciano il vaccino per l’Europa

Il Gruppo Angelini partecipa al G20 business summit (B20)

Il Gruppo Angelini partecipa al G20 Italia business summit (B20)