in ,

Google Nest Hub 2a generazione con sistema SOLI

Google Nest Hub 2a generazione con sistema SOLI

Google Nest Hub 2021 2a generazione è il primo smart display con incorporata tutta l’intelligenza di BigG al servizio delle persone che vogliono ricevere informazioni per vivere in maniera sana.

Google ha dichiarato che è sempre più diffusa tra gli utenti l’intenzione di conoscere come monitorare il sonno, la salute e l’esercizio fisico.

A questo proposito BigG di Mountain View ha integrato il nuovo Nest Hub 2a generazione con miglioramenti alle caratteristiche già incorporate nella piattaforma.

Ma andiamo a conoscere meglio cosa ha fatto Google per noi al riguardo. Per quanto riguarda gli altoparlanti, Nest Hub si basa sulla tecnologia audio di Nest Audio e diffonde il 50% di bassi per una massima diffusione del suono per la musica, audiolibri e podcast attraverso i servizi YouTube Music, Spotify ed Apple Music o di godere anche dei film o le serie TV preferite tra i vari Netflix, Disney+ e YouTube grazie allo schermo integrato.

Mediante gesti rapidi sarà possibile la gestione della funzione pausa e riproduzione dei contenuti, tutto con un tocco posto davanti il display.

Tutti i dispositivi connessi vengono visualizzati in un unico posto sul nuovo Nest Hub con la tecnologia radio Thread Integrata sviluppata da Project Connected Home over IP che rende più facile il controllo dei dispositivi a casa.

Goggle Nest Hub viene proposto in due versioni, grigio chiaro e grigio antracite con una cornice molto bella da vedere. In termini di sostenibilità Nest Hub è stato progettato con materiali riciclati.

Come anticipato, il monitoraggio del sonno viene alimentato dal sistema SOLI che utilizza la funzionalità Motion Sense, che analizza il riposo della persona quando si trova vicino al display in base ai movimenti e alla respirazione. SOLI è in grado di rilevare anche i disturbi del sonno come colpi di tosse o russamento oppure quando la temperatura e la luce stanno subendo delle variazioni.

Tutto questo è possibile grazie ai microfoni integrati in Nest Hub. Le funzionalità consentiranno agli utenti di ricevere i dati personalizzati sul display sul proprio sonno oppure chiedendo “Hey Google, come ho dormito?”

Il nuovo Nest Hub 2a generazione offre il monitoraggio con connessione anche con l’app Google Fit su Android e iOS, consultabile anche dallo smartphone. In questo modo saremo in grado di tenere a portata di mano i dati e le informazioni sulla salute e il benessere del nostro fisico oltre che quello del sonno.

E’ importante conoscere come dormiamo per capire come possiamo farlo meglio. Le molteplici programmazioni ci forniranno i dettagli per migliorare la qualità della nostra vita.

Con uno sguardo alla privacy, Google ha implementato anche una funzione attraverso il quale sarà possibile abilitare o disabilitare la visualizzazione sul display.

Il monitoraggio del sonno su Nest Hub (2a generazione) sarà disponibile in anteprima senza costi fino all’anno prossimo. Interessante anche senza l’attivazione del monitoraggio del sonno, il fatto che Nest Hub potrà comunque dare una mano ad addormentare a risvegliare in modo più confortevole. La luce del display si attenua per favorire il riposo e dalla pagina “La tua serata” sarà possibile riprodurre suoni rilassanti per conciliare il sonno. Quando è ora di alzarsi, la Sveglia luce graduale di Nest Hub aumenta gradatamente l’illuminazione del display e il volume della suoneria. In caso in cui invece l’utente vorrà rimanere ancora un po a letto grazie a Motion Sense sarà possibile posticipare la sveglia con il gesto di una mano.

Google Nest Hub sarà disponibile in Italia al prezzo di 99 euro su Google Store a partire dal 5 maggio 2021.

Cosa ne pensi?

Scritto da News Oggi

Tutte le News in tempo reale dall'Italia e dal Mondo

Comments

Comments

Lascia un commento

Loading…

0
I coniglietti di Playboy sono pronti a entrare nel mercato NFT

I coniglietti di Playboy sono pronti a entrare nel mercato NFT

Ucraina, i dipendenti pubblici hanno dichiarato 46.351 BTC

Ucraina, i dipendenti pubblici hanno dichiarato 46.351 BTC