in ,

Chain Collective: “La blockchain cambia l’economia dei dati”

Web2 consente alle grandi aziende tecnologiche di raccogliere dati sui consumatori senza pagare le persone dietro le statistiche. L’avvento delle tecnologie Web3 potrebbe cambiare il modo in cui i dati vengono raccolti e consentire ai consumatori di ottenere un compenso per le informazioni che condividono, secondo i fondatori di Chain Collective, una startup Web3 che consente ai consumatori di monetizzare i propri dati utilizzando blockchain.

Le competenze acquisite lavorando nel campo della business intelligence e dell’apprendimento automatico, unite alla passione per le tecnologie Web3, hanno portato Jenny Walker e Greta Menzies a creare un mercato dei dati. Con la tecnologia blockchain, il team tutto al femminile mira ad aiutare i consumatori a monetizzare i propri dati e ad ispirare le donne ad entrare nello spazio Web3 .

Greta Menzies, co-fondatrice di Chain Collective, ha dichiarato:

La nostra iniziativa offre ai consumatori un mercato di scambio di dati che consente uno scambio equo ed equo dell’economia dei dati tra consumatori e imprese.

Secondo Menzies, le aziende hanno elaborato politiche sui dati molto complesse e difficili da comprendere per i consumatori di tutti i giorni. Il co-fondatore ritiene che questi siano progettati per confondere i consumatori su come vengono utilizzati i loro dati.

Riteniamo che consumatori e aziende allo stesso modo trarrebbero vantaggio da un quadro standardizzato intersettoriale e da un linguaggio a misura di consumatore per sbloccare la trasparenza e creare fiducia tra entrambe le parti sulla condivisione dei dati.

Usando la blockchain, il team creerà certificati digitali che saranno disponibili sul loro mercato di token non fungibili (NFT). Questi certificati rappresenteranno asset di dati dei consumatori e saranno scambiati tramite uno smart contract. Basandosi sulla sicurezza intrinseca e sulla trasparenza fornite dalla blockchain e dai miglioramenti offerti dall’apprendimento automatico, il team mira a fornire “modelli di prezzo dinamici ed equi”.

Menzies riconosce anche la necessità di creare spazio e opportunità per le donne nelle criptovalute . Il dirigente dei dati afferma che stanno usando questa opportunità anche per ispirare le donne, come le loro stesse figlie, e mostrare loro che possono farlo da sole.

Crediamo sia importante creare spazi e opportunità per le donne. Stiamo scavando in profondità e siamo così grati quando le persone si avvicinano e ci offrono queste opportunità e stiamo cercando di crearle anche per altre donne.

Essendo residente in Australia, la co-fondatrice ha anche condiviso i suoi pensieri sull’adozione della blockchain nella regione. Mentre le autorità di regolamentazione in Australia cercano di promuovere l’adozione delle criptovalute , Menzies ritiene che “la barriera all’ingresso rimanga troppo alta per un’adozione più diffusa” nella regione.

Cosa ne pensi?

Scritto da News Oggi

Tutte le News in tempo reale dall'Italia e dal Mondo

Comments

Comments

Lascia un commento

      Loading…

      0

      Goldman Sachs elenca fondi Ethereum tramite Galaxy Digital

      Somewhere Nowhere, il night club di New York dice accetta Bitcoin ed Ethereum

      Somewhere Nowhere, il night club di New York accetta Bitcoin ed Ethereum