Bitecoin » Bitcoin Mining consuma 7 volte meno energia rispetto all’alluminio

Share This Post

Bitcoin / News

Bitcoin Mining consuma 7 volte meno energia rispetto all’alluminio

L’estrazione di bitcoin (BTC) consuma 7 volte meno energia rispetto all’alluminio. Secondo un nuovo studio occorrono 7 volte più energia per produrre $ 1 di alluminio rispetto a $ 1 di Bitcoin.

Inoltre, lo studio ha confrontato i costi dell’estrazione di Ethereum (ETH), Litecoin (LTC) e Monero (XMR) a quella dell’oro, del platino, del rame e dell’ossido di terre rare.

Metalli and Cryptovalute Mining: Quanta energia hai bisogno?

In “Quantificazione dei costi energetici e di carbonio per le criptovalute minerarie “, i ricercatori hanno confrontato la quantità media di energia metallo e criptovaluta

Per cominciare, i ricercatori hanno raccolto dati sulle miniere di criptovaluta dal 1 ° gennaio 2016 fino al 30 giugno 2018.

Energia necessaria per estrarre $ 1 di criptovaluta:

  • Bitcoin (BTC): 17 (MJ)
  • Monero (XMR): 14 MJ
  • Ethereum (ETH): 7 MJ
  • Litecoin (LTC): 7 MJ

Energia necessaria per consumare $ 1 di metalli comuni:

  • Alluminio: 122 MJ
  • Ossidi di terre rare: 9 MJ
  • Platino: 7 MJ
  • Oro: 5 MJ
  • Rame: 4 MJ

L’estrazione di Bitcoin richiede molta energia e anche l’alluminio

Ci vuole più energia per produrre Bitcoin di rame, oro, platino e ossidi di terre rare. L’unica eccezione è l’estrazione di alluminio. In effetti, l’estrazione di bitcoin richiede sette volte meno energia rispetto all’estrazione di alluminio tradizionale.

Perché le miniere di alluminio consumano così tanta energia?

Come mostrato nel nuovo studio, fare l’alluminio è un processo ad alta intensità energetica che richiede una tonnellata di elettricità.

Molto di questo ha a che fare con la composizione chimica dell’alluminio. Per cominciare, il legame tra alluminio e ossigeno è molto più forte di altri metalli grezzi. Ciò significa che ci vuole molta energia e sforzo per estrarre i mattoni grezzi necessari per produrre alluminio.

Ma anche dopo aver separato tutto il minerale di base, hai ancora molta strada da fare. Da lì, le piante di alluminio immettono il minerale attraverso un processo chiamato “fusione”.

Quando hai estratto il minerale grezzo di alluminio dal suo stato naturale e poi lo hai trasformato in un processo utilizzabile, hai speso tonnellate di elettricità. Molto più degli altri tipi di metalli e criptovalute.

Il costo ambientale della criptovaluta

Questo studio mostra entrambi i lati della medaglia. Sì, l’estrazione di criptovalute è a consumo energetico. Ma allo stesso tempo, è già più sostenibile di altre industrie che il mondo si basa molto più pesantemente.

I critici hanno a lungo sollevato preoccupazioni per l’impatto ambientale di cripto. Ad esempio, l’ impronta ecologica annuale di Bitcoin è maggiore di quella svizzera. Fondamentalmente, il mining di criptovaluta consuma molta energia a causa del proof-of-work, l’algoritmo che consente alla tecnologia blockchain utilizzata da Bitcoin.

Ma, per quanto riguarda le esigenze energetiche della cripto, si stanno cercando soluzioni. Ad esempio, Ethereum ha parlato del passaggio alla prova della posta anziché della prova di lavoro. Questo approccio richiederebbe in teoria meno calcolo e quindi meno energia.

 Prova Bitecoin Ads per i tuoi contenuti

Se ti ha fatto piacere ricevere queste informazioni, ti chiediamo se vuoi, di sostenerci con una donazione, che servirà a mantenere aggiornato e performante Bitecoin. Grazie 🙂

Bitcoin: 17MPuHAmXNfssHGrWmZ7x2tbds9ftPa5Ed
Ethereum: 0x004bd1E5F5d37E84Be12CE17E01cCaf2b142152f
Bitcoin Cash: qrm2m9pm3zqd42y0edwyfmeewkl45kfc5gdcm2ap65  Litecoin: MVxxBdU8yPkQFfAzgHHPQ22M9AWyQok5Pv

oppure via Paypal qui:


Faccelo sapere in Live Post in homepage con @sostienibitecoin
0

Share This Post

Leave a Reply