Bitecoin » Crypto Valley, la Svizzera apre al regolamento su Bitcoin

Share This Post

Bitcoin

Crypto Valley, la Svizzera apre al regolamento su Bitcoin

La Svizzera è sempre stata una terra accogliente per il settore bancario e finanziario, il modo in cui il governo svizzero ha incoraggiato il ritmo incalzante dell’innovazione in “Crypto Valley”, l’hub blockchain nel cantone di Zugo, è stimolante.

L’approccio alla regolamentazione della blockchain adottato dalla Svizzera è stato accolto come esemplare da molti, poiché incorpora una grande capacità di accoglienza e promuove l’innovazione. Secondo la “State of European Tech” annuale rapporto da un’impresa di investimento tecnologico Atomico , “Crypto Valley” l’stata più rapida crescita comunità tecnologica in Europa nel 2018 – diversi fattori chiave hanno svolto un ruolo nel permettere per questo sviluppo, e non ci rimane più da fare.

Governo decentralizzato

Al centro della capacità della Svizzera di sviluppare in modo proattivo la sua industria di blockchain è stato il suo sistema politico decentralizzato. Il sistema politico svizzero ha storicamente dato un grande valore alla libertà personale, risultando in un sistema politico controllato dai cittadini che è neutrale, sicuro, prevedibile e protettivo.

La Svizzera è suddivisa in ventisei cantoni che hanno prevalentemente il controllo sulla tassazione e la maggior parte delle decisioni nel paese sono prese a livello regionale. Inoltre, data l’autonomia della Svizzera da gran parte del diritto dell’Unione europea, è una delle economie più agili del continente, ben posizionata per reagire in modo efficiente e rapido agli sviluppi globali.

Le regioni hanno il potere di prendere decisioni rapidamente e progettare il loro governo per adattarsi all’industria. Ad esempio, nel 2016 Zug è diventata la prima città al mondo ad iniziare ad accettare le tasse in Bitcoin e un anno dopo, Crypto Valley ha annunciato il lancio di una struttura di identità digitale decentralizzata. Il sistema politico ha anche permesso all’Amministrazione federale delle contribuzioni in Svizzera di stabilire che il Bitcoin è un mezzo di pagamento, esentandolo dagli oneri dell’IVA.

La capacità di prendere decisioni rapidamente e con vigore, appoggiata da istituzioni con decenni di esperienza nell’applicazione stabile, è una combinazione unica. Per l’industria della blockchain, la libertà di sperimentare è essenziale e i governi di tutto il mondo stanno lottando per fare i necessari cambiamenti politici per far fronte a questo problema, lasciandoli bloccati da una legislazione antiquata e da uno stallo politico. Quando guardiamo a quali decisioni sono state prese in Svizzera in un così breve periodo di tempo, il loro modello politico si trova senza pari nella sua libertà e resilienza.

Flessibilità normativa

Lo scorso dicembre, il ministro delle finanze svizzero ha annunciato che, invece di creare nuove leggi relative alla blockchain, il governo dovrebbe adeguare le leggi esistenti per provvedere alla nuova tecnologia. A seguito di ciò, il Consiglio federale svizzero ha adottato una relazione sul quadro giuridico per la blockchain in finanza, delineando l’adeguatezza della legge esistente, con alcune revisioni da apportare. A marzo , il Consiglio federale svizzero ha iniziato il periodo di consultazione su come dovrebbe essere questo quadro.

Questa posizione proattiva sulla regolamentazione è unica in un contesto europeo, offrendo un grande grado di flessibilità. Il governo svizzero ha dato la priorità alla definizione della legislazione esistente consultando il settore privato. La Federazione Blockchain svizzera , un partenariato pubblico-privato, è stata istituita con questo obiettivo in mente, ed è un grande esempio di collegamento tra le aziende della Valle di Crypto e i responsabili politici.

Allo stesso modo, l’autorità di regolamentazione del mercato finanziario svizzero, la FINMA , promuove l’autoregolamentazione sulla regolamentazione top-down, ed è trasparente e facilmente accessibile per lo sviluppo della politica del futuro. Nella Crypto Valley, questo ambiente di autoregolamentazione è stato determinante per consentire una rapida crescita e, cosa più importante, e non ha creato un clima economico lento e soffocante in cui la legislazione si sta avvicinando all’innovazione.

Questa malleabilità normativa è una delle ragioni principali per cui la Svizzera è in testa alla curva in termini di regolamentazione della tecnologia di ledger distribuito, in grado di soddisfare nuove idee e innovazioni.

L’ambiente aziendale

Oltre a creare un adeguato quadro politico e giuridico per la crescita della blockchain, la Svizzera ospita un maturo ambiente imprenditoriale e un ecosistema di finanza tradizionale. Sede di diverse società di capitali di primaria importanza, le startup svizzere hanno ricevuto quasi 1,24 miliardi di franchi (quasi 1,25 miliardi di dollari) di capitale di rischio nel 2018, quasi il 32% in più rispetto al 2017. Vantando reti aziendali eccellenti, bassa tassazione, bassa corruzione e un eccellente sistema educativo, la Svizzera è il luogo ideale per qualsiasi attività di blockchain che entri nella nuova economia.

Da un punto di vista macroeconomico, il franco svizzero è stato un deposito di valore forte e affidabile, in un paese con bassi livelli di indebitamento e politica monetaria indipendente. Negli ultimi anni, la stabilità dell’economia e della valuta ha costituito un solido fondamento della nuova economia, fornendo rassicurazioni alle imprese e agli investitori. Nel mondo cripto, la recente crescita degli stablecoins riflette la necessità di questa stabilità e vedo un vero mercato per questo in Svizzera.

Nonostante il grande successo che la Svizzera ha sviluppato, ci sono indubbiamente aree di miglioramento. Evidenziato di recente dal direttore finanziario di Zug, Heinz Taennler, le società stanno trasferendo le loro attività bancarie in altre giurisdizioni. La regione della Crypto Valley ha faticato con le banche che si rifiutavano di aprire conti per le imprese e afferma che le società potrebbero andarsene se il governo non adotterà misure per concedere loro l’accesso.

La Svizzera è da tempo leader nel settore delle criptovalute e della blockchain, e le ragioni evidenziate qui sono solo una manciata. Se F. Scott Fitzgerald potesse testimoniare la crescita della blockchain nella Crypto Valley, vedrebbe solo l’inizio di una tecnologia rivoluzionaria sviluppata da zero, con incoraggiamento dall’alto verso il basso.

 Prova Bitecoin Ads per i tuoi contenuti

Cosa ne pensi della Svizzera decentralizzata? Faccelo sapere nei commenti qui sotto.

Share This Post

Leave a Reply