Bitecoin » Facebook Coin, ti fidi di Mark Zuckerberg e della sua criptovaluta?

Share This Post

Bitcoin / News

Facebook Coin, ti fidi di Mark Zuckerberg e della sua criptovaluta?

Facebook, la più grande piattaforma di social media in circolazione, ha esercitato a lungo il controllo sui nostri dati.

Facebook, nel tentativo di monopolizzare l’intero mercato ha utilizzato i nostri dati contro di noi in più casi. Li ha venduti a utenti di terze parti per pubblicare annunci mirati e interferendo con campagne politiche.

Il Wall Street Journal ci mette in guardia sul progetto segreto di stablecoin di Facebook Coin, che si chiama Project Libra. Ciò che l’azienda desidera fare è costruire una rete di commercianti online e istituzioni finanziarie per supportare questa nuova criptovaluta che sta sviluppando.

A tal fine, Zuckerberg è alla ricerca di un miliardo di dollari in finanziamenti, per Project Libra , da pesi massimi come Visa e Mastercard per ottenere quei soldi. Avendo iniziato un anno fa, il progetto è stato catapultato in qualcosa di molto più grande di quello che era stato originariamente progettato come un semplice strumento per consentire alle persone di trasferire denaro tra gli utenti di WhatsApp.

La nuova criptovaluta, se e quando sarà rilasciata, raggiungerà quasi 1,6 miliardi di utenti attivi ogni giorno.

Tuttavia, la domanda che ci stiamo ponendo è, puoi fidarti di Facebook? La risposta è no. Diamo un’occhiata ai fatti concreti.

L’anno scorso, lo scandalo di Facebook su Cambridge Analytica ha ricevuto molte luci della ribalta internazionale. Facebook è stato accusato di aver venduto i dati personali di 87 milioni di utenti a Cambridge Analytica senza il consenso degli utenti, nel 2014. Questa è stata una grave violazione delle politiche sulla privacy della società di social media.

Se rilasceranno la criptovaluta, sarà necessario fornire a Facebook Coin anche i propri dati finanziari, che a questo punto non sarebbero nel vostro interesse, considerando che esiste una precedenza per quanto riguarda l’uso improprio dei dati. Inoltre, a marzo, Facebook ha rivelato di aver archiviato le password degli account di centinaia di milioni di utenti in un formato in chiaro leggibile dal 2012.

Questo è di nuovo una preoccupazione importante per gli utenti, che pianificano di fidarsi di Facebook con i propri dati. Se ti fidi della compagnia con qualsiasi somma di denaro, ci sono buone probabilità che possano ricoprire le tue finanze.

Inoltre, l’anonimato garantito nell’utilizzo di Bitcoin potrebbe essere un mito nel caso della cripto di Facebook. Facebook non ha la benchè minima idea di cosa vuol significare decentralizzazione, protezione dei dati e sicurezza. Ecco perché al momento non sembra prudente fidarsi di Facebook con i nostri dati.

 Prova Bitecoin Ads per i tuoi contenuti

E tu ti fidi di Facebook e della sua criptovaluta? Faccelo sapere nei commenti qui sotto.

Share This Post

Leave a Reply