Bitecoin » Crypto Italia, il governo ha nominato 30 persone per sviluppare la tecnologia DLT

Share This Post

Blockchain

Crypto Italia, il governo ha nominato 30 persone per sviluppare la tecnologia DLT

Il Ministero dello Sviluppo Economico italiano ha recentemente pubblicato un elenco delle 30 persone che il governo italiano ha incaricato di sviluppare la strategia normativa del Paese per quanto riguarda la tecnologia DLT (distributed ledger technology) e le criptovalute.

Tra gli individui ci sono gli ex alunni delle Nazioni Unite, il Parlamento europeo, la Commissione europea e la Camera di commercio italiana.

Il governo italiano ha nominato i 30 individui che ha cercato di sviluppare una strategia nazionale relativa al libro mastro distribuito e alle tecnologie correlate.

Le persone comprendono 10 membri della comunità imprenditoriale con associazioni di categoria pertinenti alla DLT, 10 rappresentanti di organizzazioni, gruppi di riflessione e università, e 10 rappresentanti di sindacati e società civile, oltre a diversi rappresentanti del Ministero dello Sviluppo Economico.

Secondo il sito web del ministero, il gruppo avrà il compito di promuovere la DLT nel settore pubblico, sviluppando condizioni economiche, politiche e normative adatte a promuovere l’innovazione nel settore della DLT e promuovendo l’applicazione di contratti intelligenti.

Tra i nomi ricordiamo Angiolini Giorgio, attuale membro dell’organizzazione “UNINFO Blockchain and distributed management technologies” delle Nazioni Unite per lo Sviluppo Sostenibile, Bruschi Francesco, “consulente tecnico per la Procura di Firenze nel contesto delle criptovalute, Atzori Marcella,” Blockchain Expert “per la Commissione europea e il Parlamento europeo, Epifani Stefano, presidente del Digital Transformation Institute e consulente per le Nazioni Unite.

La politica DLT diventa “priorità fondamentale” per il governo italiano

Il Ministero dello Sviluppo Economico italiano ha annunciato l’intenzione di riunire un gruppo di esperti DLT alla fine di settembre. A quel tempo, il ministero ha pubblicato un avviso pubblico per le espressioni di interesse per “lo sviluppo della strategia nazionale sulle tecnologie basate su registri distribuiti e blockchain“.

Il ministero ha poi affermato che considera un approfondimento della sottovalutazione delle tecnologie di contabilità distribuita da parte dell’Italia come una “priorità fondamentale”, oltre ad aumentare “investimenti pubblici e privati ​​in questa direzione e tecnologie strettamente correlate ad essi”.

Le altre persone nominate come parte del gruppo sono Belardi Tamara, Stefano Capaccioli, Chiriatti Massimo, Monica Cirillo, Comandini Gianluca, Conti Mauro, Damiani Ernesto, Di Nicola Vincenzo, Faini Fernanda, Gabriele Luigi, Giuliano Massimo, Giustozzi Lorenzo, Grottola Renato, Lecca Fabio, Lo Castro Aldo Pietro, Mauri Giuseppe, Monaco Marco, Mosco Gian Domenico, Nastri Michele, Nava Gilberto, Pimpinella Martino Maurizio, Ricci Laura Emilia Maria, Sarzana Salvatore Fulvio, Savioli Massimo, Tenga Federico e Vitale Marco.

Il 4 dicembre l’Italia si è unita a Francia, Spagna, Malta, Cipro, Portogallo e Spagna firmando una dichiarazione congiunta per promuovere la tecnologia blockchain nella regione dell’Europa meridionale.

 Prova Bitecoin Ads per i tuoi contenuti

Se ti ha fatto piacere ricevere queste informazioni, ti chiediamo se vuoi, di sostenerci con una donazione, che servirà a mantenere performante la piattaforma. Seguici su Bitecoin, Facebook e Twitter 🙂

Bitcoin: 15SHBf8ZokR3tydLdoKKVGMTn2vy27fwnB
Ethereum: 0x004bd1E5F5d37E84Be12CE17E01cCaf2b142152f
Litecoin: MVxxBdU8yPkQFfAzgHHPQ22M9AWyQok5Pv

oppure via Paypal qui:


Faccelo sapere in Live Post in homepage con @sostienibitecoin

Share This Post

Leave a Reply