Bitecoin » Che cos’è e Come funziona una Stablecoin

Share This Post

Guida

Che cos’è e Come funziona una Stablecoin

Il nostro panorama finanziario esistente ha subito una grande trasformazione con l’avvento delle criptovalute.

Certo, non hanno sostituito o addirittura si avvicinano a sostituire le valute legali, ma si sono trasformati alternativamente in benefici per gli investitori e hanno modificato considerevolmente la scena fintech. Se ti chiedessi perché le criptovalute continuano a soffrire in termini di credibilità, ti verrebbe detto della loro volatilità.

Queste valute digitali sono assolutamente famose per trasformare le previsioni di esperti sulla loro testa e oscillare tra un rialzo rialzista e una caduta ribassista. Anche di recente, abbiamo visto il mercato crittografico diventare rossononostante gli esperti si aspettino un rialzo rialzista, per poi riprendersi in pochi giorni. Questa volatilità deriva dal fatto che nessuna autorità centrale fornisce alcun sostegno.

Per risolvere questo problema, abbiamo stablecoins, che sono essenzialmente criptovalute supportate da una risorsa del mondo reale. Qui tocchiamo la guida di un principiante allo stablecoin per avere una panoramica.

Cos’è uno Stablecoin?

Stablecoin è essenzialmente una valuta digitale che ha una bassa volatilità e un prezzo più stabile rispetto alle solite criptovalute. Di solito sono legati a una risorsa del mondo reale, che funge da cuscinetto per gli alti erratici e un mercato crittografico è così abituato a sperimentare. Ciò li rende opzioni più praticabili per gli scambi da elencare e servono anche piuttosto bene una delle funzioni cruciali del denaro: quella di una riserva di valore. Questo valore pegged di una forma esistente di attività significa che lo stablecoin è efficacemente supportato da una sorta di garanzia affidabile.

In che modo uno Stablecoin è “ancorato” a un’altra valuta o asset?

Tether, per esempio, è uno degli stablecoins più conosciuti. È ancorato all’USD, che dovrebbe continuare a essere stabile e affidabile per il prossimo futuro. A volte, gli stablecoins possono anche legarsi ai cestini della valuta o ad un indice come l’indice dei prezzi al consumo. La garanzia viene conservata al posto di ogni stablecoin che viene emesso. Tether, ad esempio, emette uno stablecoin per dollaro che detiene.

Tether viene spesso accusato di essere opaco riguardo alle loro operazioni e recentemente ha addirittura distrutto alcuni dei loro token , che, hanno detto, erano in linea con il processo di emissione e di rimborso spiegato nel loro white paper. Comunque, almeno in teoria, avere Tether sostenuto da USD significa che ogni moneta avrà sempre lo stesso valore di un dollaro USA.

Alcuni stablecoins, come la moneta Maker (DAI), sono legati a valute legali come l’USD, che aggiunge un ulteriore livello di protezione in caso di una possibile caduta del dollaro USA. Sebbene ciò non sembri troppo probabile al momento, un piolo morbido, al contrario del duro piolo di Tether, assicura che la moneta rimanga al sicuro anche nell’ipotetico scenario di una caduta in USD.

A volte gli stablecoin sono supportati anche da altre criptovalute, un esempio di Havven. Anche la legatura delle monete Maker MKR e DAI segue un modello simile, sebbene non identico. Ciò garantisce che lo stablecoin possa assorbire e minimizzare l’impatto di qualsiasi grande fluttuazione nel prezzo della sua criptovaluta collaterale. In questi casi, tutte le transazioni vengono elaborate all’interno della stessa blockchain.

A volte, gli stablecoins non hanno alcun supporto collaterale. Un esempio è Basecoin, in cui l’algoritmo esistente semplicemente riduce e amplia l’offerta della moneta per regolarizzare il suo prezzo.

Quali sono i problemi di una Stablecoin?

Il supporto delle criptovalute con le valute fiat porta via alcune delle monete crittografiche di qualità decentralizzata solitamente note. Alcune autorità centrali controllano la metà di questo accordo: la moneta legale e quindi induce un certo grado di centralizzazione nel processo. La liquidazione dipende anche dalle approvazioni e dalle norme governative, che comportano uno spreco di tempo e denaro.

Per gli stablecoins che sono ancorati a un’altra criptovaluta, il processo di sovra-collateralizzazione richiederebbe un alto grado di investimento di capitale. Anche in questo caso, la volatilità della criptovaluta è ancorata a influenzare lo stablecoin e potrebbe comprometterne la stabilità.

Altre forme di stablecoins non sono ancora riusciti ad ammassare abbastanza fede e credibilità e rimangono ancora di natura molto sperimentale.

Se ti ha fatto piacere ricevere queste informazioni, ti chiediamo se vuoi, di sostenerci con una donazione, che servirà a mantenere aggiornato e performante Bitecoin. Grazie 🙂

Bitcoin: 17MPuHAmXNfssHGrWmZ7x2tbds9ftPa5Ed
Ethereum: 0x004bd1E5F5d37E84Be12CE17E01cCaf2b142152f
Bitcoin Cash: qrm2m9pm3zqd42y0edwyfmeewkl45kfc5gdcm2ap65  Litecoin: MVxxBdU8yPkQFfAzgHHPQ22M9AWyQok5Pv

oppure via Paypal qui:


Faccelo sapere in Live Post in homepage con @sostienibitecoin
0

Share This Post

Leave a Reply