Bitecoin » Che cos’è un’attacco del 51%

Share This Post

Blockchain / Guida

Che cos’è un’attacco del 51%

In cryptovaluta Proof of Work (PoW), i nodi sono tipicamente impostati per riconoscere la blockchain con il maggior numero di blocchi (e quindi la potenza di hashing) come versione corretta della cronologia.

I minatori con> 50% della potenza di hashing della rete possono trarre vantaggio inviando fondi a un indirizzo sulla catena principale, inviando gli stessi fondi a un altro indirizzo su una copia biforcuta della blockchain che stanno silenziosamente estraendo con più potere di hashing rispetto alla catena principale.

Poiché altri nodi conoscono solo la catena principale, vedranno la prima transazione come valida, e gli scambi, ecc. Accetteranno questa transazione come valida. Questo nodo malevolo può successivamente rilasciare questi blocchi estratti in modo silenzioso, e altri nodi lo accetteranno come la nuova “catena corretta” poiché è più lunga.

Ciò causerà la scomparsa effettiva della transazione originale e i nodi riconosceranno invece i fondi inviati all’indirizzo della nuova catena. Questo è noto come un attacco “doppia spesa”.

Che cos'è un attacco del 51%?

Last updated 2019-01-08 03:27:35 EST

Le criptovalute più grandi hanno una capacità di mining sufficiente dietro di loro, rendendo estremamente costoso acquisire l’hardware necessario per attuare un attacco del genere. Le criptovalute più piccole hanno meno potere di hashing che protegge la rete, rendendo possibile il semplice potere di hashing dei minatori su un servizio come Nicehash per alcune ore. Questo riduce significativamente i costi di capitale di un attacco.

Nelle ultime settimane ci sono stati un numero di attacchi del 51% compreso un attacco di alto profilo contro Bitcoin Gold pochi giorni fa, in cui sono stati rubati $ 18 milioni.

Come viene calcolato il costo dell’attacco?

Utilizzando i listini NiceHash dei prezzi per diversi algoritmi siamo in grado di calcolare quanto costerebbe noleggiare una potenza di hashing sufficiente a far corrispondere l’attuale potenza di hash della rete per un’ora. Nicehash non ha abbastanza potenza di hashing per le monete più grandi, quindi abbiamo calcolato anche quale percentuale della potenza di hashing necessaria è disponibile da Nicehash.

Si noti che il costo di attacco non include i premi di blocco che il minatore riceverà per il mining. In alcuni casi questo può essere piuttosto significativo e ridurre il costo dell’attacco fino all’80%.

Possiamo ridurre il rischio?

Esistono numerose soluzioni possibili a questo problema:

  • PoS
  • Monete costruite su altre reti (ERC20)
  • Collegamento interchain

Da dove provengono i dati?

I tassi di hash sono da Mine the Coin , i prezzi delle monete provengono da CoinMarketCap e il prezzo di noleggio è di NiceHash.

 Prova Bitecoin Ads per i tuoi contenuti

0

Share This Post

Leave a Reply