Bitecoin » Come proteggere portafogli cittografici

Share This Post

Guida

Come proteggere portafogli cittografici

I tempi recenti hanno visto la sicurezza informatica essere compromessa di volta in volta. Il campo delle criptovalute è appena stato immune, con attacchi e furti che fanno notizia ogni settimana.

Kaspersky Labs, nel suo Threat Prediction Report per quest’anno, aveva preavvisato sulla possibilità di aumentare gli attacchi informatici sulle reti blockchain e sui depositi di criptovalute e le loro apprensioni sono state dimostrate corrette.

Dell’estensione stimata degli attacchi per aver afflitto utenti e appassionati cripto, circa il 20% ha subito attacchi ai portafogli crittografici. Molti portafogli crittografici, come BitFi , sono persino stati trovati per avere una sicurezza compromettibile e il rischio che le valute digitali di un utente vengano sottratte o prelevate dai portafogli siano diventate più potenti che mai. Anche reti reputate come Ethereum sono risultate vulnerabili.

Cosa possiamo fare per proteggere i portafogli di criptovaluta allora ?

⌈6 Modi Sicuri⌋

1. Separazione dei fondi

Gli utenti devono diversificare le proprie risorse crittografiche in più portafogli per assicurarsi che nessun portafoglio diventi un obiettivo facile per i truffatori e anche per evitare qualsiasi confusione o errore. Idealmente, un utente dovrebbe avere almeno un portafoglio da utilizzare per la negoziazione o l’esecuzione di transazioni. Inoltre, dovrebbero memorizzare alcune delle loro valute virtuali in un portafoglio diverso e sicuro. Inoltre, l’utilizzo di email diverse per questi diversi portafogli aggiunge un ulteriore livello di protezione.

2. Uso di celle frigorifere

Mantenere le criptovalute in celle frigorifere significa tenere i token o le monete lontano dalla connessione Internet. Ciò garantisce che le violazioni o gli attacchi di crittografia abbiano una probabilità molto minore di compromettere la sicurezza delle proprie partecipazioni.

Oltre a semplificare l’utilizzo di questi portafogli hardware per la conservazione a freddo, è possibile utilizzare portafogli di carta per stampare e salvare semplicemente chiavi crittografiche su un foglio di carta e in un luogo fisico. I portafogli di carta hanno spesso un codice QR scansionabile per semplificare le transazioni quando e quando necessario.

I portafogli audio sono un’altra alternativa correlata a questo, in cui i file audio crittografati possono essere salvati su CD e successivamente decodificati mediante spettroscopia

3. Utilizzo dell’autenticazione a due fattori

L’ autenticazione a due fattori di 2FA si riferisce all’uso di un secondo livello di password continuamente aggiornato che viene generato direttamente sul dispositivo che si sta utilizzando.

Ciò rende più difficile per gli hacker infrangere i muri di sicurezza, dal momento che ora non devono semplicemente hackerare una cassetta postale ma anche acquisire fisicamente un dispositivo per ottenere la seconda password. Google Authenticator e Lastpass Authenticator sono alcuni grandi esempi di tali servizi.

4. Disattivazione degli aggiornamenti automatici

Spesso, quando gli aggiornamenti vengono rilasciati, vengono involontariamente segnalati con alcuni bug. Per evitare di introdurre bug nel sistema che possono portare a perdite maggiori, è consigliabile attendere un giorno o due per vedere se altri utenti hanno trovato un determinato aggiornamento sicuro o meno.

5. Cambiare occasionalmente i portafogli

Spostare le proprie partecipazioni crittografiche a nuovi portafogli ogni pochi mesi può essere estremamente utile per garantire la sicurezza dei fondi. Ciò riduce al minimo i rischi di violazione della sicurezza del portafoglio nel tempo.

6. Conferma della certificazione di sicurezza

Ddurante l’utilizzo di un portafoglio basato sul Web, è consigliabile verificare se un sito Web sicuro o SSL è lì per rassicurare l’utente che il processo di navigazione è crittografato in modo sicuro.

L’inizio del sito dovrebbe essere letto in modo che inizi con HTTPS e non con HTTP. Inoltre, prestare molta attenzione ai nomi di dominio e agli indirizzi di pagamento può essere anche soluzioni apparentemente ovvie e secondarie, ma in realtà piuttosto facili da perdere ma cruciali.

Pertanto, con il livello corretto di cautela, ogni utente criptato può proteggere adeguatamente il proprio portafoglio.

Se ti ha fatto piacere ricevere queste informazioni, ti chiediamo se vuoi, di sostenerci con una donazione, che servirà a mantenere aggiornato e performante Bitecoin. Grazie 🙂

Bitcoin: 17MPuHAmXNfssHGrWmZ7x2tbds9ftPa5Ed
Ethereum: 0x004bd1E5F5d37E84Be12CE17E01cCaf2b142152f
Bitcoin Cash: qrm2m9pm3zqd42y0edwyfmeewkl45kfc5gdcm2ap65 Litecoin: MVxxBdU8yPkQFfAzgHHPQ22M9AWyQok5Pv

oppure via Paypal qui:


Faccelo sapere in Live Post in homepage con @sostienibitecoin
0

Share This Post

Leave a Reply