Il cazzaro e la carciofara gettano la maschera. Astensione sul Recovery Fund!

Salvini e Meloni si sono astenuti al parlamento europeo e non hanno votato a favore dei 209 miliardi per l’Italia. Sono i nemici assoluti del paese, pur di non dare ragione al governo e di recitare la parte dell’opposizione ottusa e ferma sulle proprie convinzioni, hanno votato contro l’Italia e contro il futuro del paese. Hanno […] More

submitted by


Michele Bravi da X Factor al carcere per omicidio stradale

Il cantante Michele Bravi ha patteggiato un anno e 6 mesi di carcere per omicidio stradale, per l'incidente del 22 novembre 2018 nel quale morì una donna di 58 anni, Rosanna Colia: il provvedimento è stato ratificato dal gup di Milano, Aurelio Barezzetta, ai danni dell'artista vincitore di X Factor e che ha partecipato anche al Festival di Sanremo nel 2017. Il patteggiamento deciso oggi prevede la sospensione e la non menzione della pena nel casellario giudiziale.

COSA ACCADDE Bravi era alla guida di un'auto di una società di car sharing: uscì da un parcheggio per immettersi in strada nel senso di marcia opposto, ma non vide la donna che in quel momento stava passando in sella alla sua moto e che si schiantò contro la portiera della macchina. Bravi aveva chiamato i soccorsi, la donna era stata trasportata al San Carlo, ma poco dopo morì.

La proposta di patteggiamento aveva avuto anche il via libera del pm titolare dell'inchiesta Alessandra Cerreti. Bravi aveva anche scritto una lettera alla famiglia della donna due o tre mesi dopo l'incidente manifestando il dolore che provava e «la sua vicinanza e il vuoto per quello che era successo».

? Hai un Blog / Sito che parla di Spettacolo? Sponsorizza un comunicato stampa, un’articolo oppure Pubblica il tuo NewsFeed da qui. Oppure crea  il tuo account e richiedi il profilo verificato come editor per pubblicare notizie, link, video, immagini e tanto altro.

submitted by


Molise e Calabria aumentano IRPEF e IRAP a causa del deficit sanitario

Maggiorazione Irap e addizionale Irpef, per l’anno d’imposta 2020, nelle Regioni Molise e Calabria sarà applicata automaticamente.

Lo spiega il comunicato del 1° luglio 2020 dell’Agenzia delle Entrate, che dà conto di quanto reso noto dal Ministero dell’Economia e delle Finanze sulla base del Tavolo tecnico per la verifica degli adempimenti e del Comitato permanente per la verifica dell’erogazione dei livelli essenziali di assistenza.

Dal momento che tali Regioni, nell’esercizio 2019, non hanno raggiunto gli obiettivi previsti nei rispettivi piani di rientro dai deficit sanitari, l’Irap sarà maggiorata in automatico dello 0,15% mentre l’addizionale regionale all’Irpef dello 0,30%.

La maggiorazione si applicherà per l’anno d’imposta 2020.

Maggiorazione Irap e addizionale Irpef, Molise e Calabria: le istruzioni dell’Agenzia delle Entrate

Nel comunicato stampa del 1° luglio 2020 dell’Agenzia delle Entrate viene resa nota la maggiorazione del Irap e dell’addizionale Irpef per le Regioni Molise e Calabria.

Agenzia delle Entrate - Comunicato stampa del 1° luglio 2020

Maggiorazione Irap e addizionale Irpef in Calabria e in Molise. Le istruzioni delle Entrate su come applicarle.

L’applicazione automatica è prevista per l’anno di imposta 2020, dal momento che tali Regioni non hanno raggiunto gli obiettivi previsti nei rispettivi piani di rientro dai deficit sanitari.

Lo fa sapere l’Agenzia delle Entrate che spiega quanto reso noto dal Ministero dell’Economia e delle Finanze: il Tavolo tecnico per la verifica degli adempimenti e il Comitato permanente per la verifica dell’erogazione dei livelli essenziali di assistenza hanno constatato il mancato raggiungimento degli obiettivi prestabiliti nell’esercizio 2019.

Nel comunicato stampa, l’Agenzia delle Entrate spiega anche come funziona la determinazione dell’Irap.

Gli effetti influenzeranno l’acconto dell’imposta per il 2020.

Nei casi in cui gli importi sono dovuti, dovranno essere determinati come segue:

con il metodo storico, assumendo quale imposta del periodo precedente quella determinata applicando l’aliquota del 2019 già comprensiva della maggiorazione di 0,15 punti percentuali;

con il metodo previsionale, assumendo come imposta di riferimento quella determinata applicando al valore della produzione previsto l’aliquota d’imposta maggiorata di 0,15 punti percentuali.

Maggiorazione Irap e addizionale Irpef, Molise e Calabria: i riferimenti per il calcolo

Il comunicato stampa dell’Agenzia delle Entrate fornisce le istruzioni per l’applicazione delle maggiorazioni.

Per quanto riguarda l’addizionale regionale Irpef, l’incremento dell’aliquota dello 0,30% è previsto per l’anno di imposta 2020.

Per le Regioni Calabria e Molise tale aumento produce quindi effetti nel 2021.

L’Agenzia delle Entrate fornisce le istruzioni su come comportarsi in casi particolari:

“Tuttavia, in relazione ai lavoratori dipendenti che cessano il rapporto di lavoro in corso d’anno, i datori di lavoro trattengono, in sede di conguaglio, l’importo dell’addizionale regionale 2020 applicando l’aliquota maggiorata, e quello delle rate residue dell’addizionale regionale 2019, alle quali si applica la previgente aliquota.”

Il comunicato specifica inoltre che, nel caso di cessazione del rapporto di lavoro avvenuta nel 2020, i sostituti di imposta devono applicare l’aliquota maggiorata.

Nel caso della Regione Molise...Scopri di più

? Hai un Blog che parla di Fisco e Lavoro? Sponsorizza un comunicato stampa, un’articolo oppure Pubblica il tuo NewsFeed da qui

submitted by